La sicurezza della nostra community: le precauzioni adottate da Workday

Per far fronte alla pandemia di COVID-19, Workday sta adottando delle precauzioni per garantire la sicurezza della sua community composta dai dipendenti e dalle loro famiglie, dai clienti esistenti e potenziali, dai partner e dai visitatori. Qui sono disponibili aggiornamenti regolari sulle misure che stiamo adottando.

Image placeholder

9 settembre

Alla luce della pandemia di COVID-19 in corso, e per aiutare i nostri dipendenti in tutto il mondo a gestire meglio le difficoltà finanziarie e assistenziali da essa create, stiamo aggiornando alcuni benefit e offrendone di nuovi. Le misure principali includono:

  • Orari modificati: i dipendenti a tempo pieno hanno la possibilità di passare a un orario part-time per gestire meglio le esigenze personali.
  • Supporto per chi fornisce assistenza: offriamo flessibilità negli orari di lavoro per i dipendenti che si prendono cura di un familiare e abbiamo introdotto la nuova politica Caregiver Leave of Absence che prevede un massimo di 12 settimane di congedo a retribuzione ridotta per aiutare coloro che dovessero assentarsi per un periodo di tempo. Abbiamo inoltre aumentato il rimborso delle spese di assistenza fino a 20 giorni all'anno.  
  • Sostegno finanziario: stiamo effettuando un ulteriore investimento di un milione di dollari nel Workday Employee Relief Fund. Grazie al fondo, i dipendenti di tutto il mondo possono ottenere fino a 5.000 USD per affrontare spese ragionevoli causate dalla pandemia di COVID-19. 

Inoltre la maggior parte dei nostri dipendenti non avrà l'obbligo di tornare in ufficio prima del 2 agosto 2021. Tuttavia, continueremo ad aprire i nostri uffici in tutto il mondo, se il livello di sicurezza lo consentirà. Nel caso in cui un dipendente decidesse di tornare in un ufficio, saranno messe in atto politiche e processi volti a tutelare il dipendente stesso ed eventuali visitatori dall'esposizione al COVID-19.

30 luglio

Considerato il particolare periodo che stiamo vivendo, abbiamo deciso di annullare l'esperienza digitale Workday Rising. Invece, nell'ottobre 2020, convocheremo uno speciale evento digitale, Conversations for a Changing World, e presenteremo novità e contenuti sui prodotti Workday attraverso altri canali.

Siamo impazienti di accogliere in tutta sicurezza la Workday Community nel 2021 a Las Vegas e Stoccolma per il Workday Rising.

10 luglio

Oggi comunichiamo un aggiornamento sulla politica di rientro in ufficio per i nostri dipendenti e collaboratori del Nord America (Canada, Messico e Stati Uniti): a fronte dell'aumento significativo e imprevedibile dei casi di COVID-19 in tutti gli Stati Uniti, stiamo estendendo le attuali direttive sullo smart working per i nostri dipendenti e collaboratori del Nord America fino a venerdì 1 gennaio 2021. Ciò significa che ai dipendenti nordamericani, al di fuori di quelli ritenuti indispensabili per l'ufficio, non verrà chiesto di tornare in ufficio prima di lunedì 4 gennaio 2021, data in cui valuteremo la sicurezza di avviare una riapertura graduale degli uffici. Pubblicheremo un aggiornamento nel caso in cui le circostanze cambiassero e fosse possibile riaprire in sicurezza un ufficio. 

Poiché la situazione legata al COVID-19 varia molto da paese a paese, continueremo ad adottare un approccio locale alla riapertura. Di conseguenza, i nostri uffici in APJ ed EMEA continueranno a seguire una logica per il rientro in ufficio regionale in cui i management team locali decidono le riaperture paese per paese in collaborazione con il management globale di Workday, Global Workplace Safety e i nostri team People & Purpose, riaprendo solo laddove è chiaramente sicuro farlo e per i dipendenti che desiderano tornare.

27 maggio

Nel quadro del nostro costante impegno a sostegno della Workday Community durante la pandemia di COVID-19, siamo lieti di comunicare che stiamo unendo le forze con Salesforce per aiutare i nostri clienti comuni a realizzare i loro piani per riportare i dipendenti al lavoro in sicurezza.

Insieme, offriremo soluzioni integrate tra Workday, la fonte in tempo reale dei dati sui dipendenti e degli insight sulle skill per la forza lavoro dinamica di oggi, e Work.com di Salesforce, una nuova suite di applicazioni e risorse di consulenza che aiuta i responsabili delle aziende e delle comunità di tutto il mondo a riaprire in sicurezza. 

Il nostro obiettivo è aiutare i nostri clienti permettendo loro di sincronizzare i dati critici sui collaboratori e sulle skill di Workday con le informazioni sulla sicurezza, la salute e l'ambiente di lavoro di Work.com. Questo li aiuterà a preparare e proteggere i loro ambienti di lavoro, a tutelare e sostenere i loro dipendenti e ad adattarsi rapidamente a un mondo del lavoro che cambia. 

16 aprile

L'emergenza COVID-19 continua a evolversi e nell'ottica di dare priorità alla sicurezza e al benessere della Workday Community, abbiamo deciso di proporre Workday Rising e Workday Rising Europe come un'unica esperienza digitale globale in ottobre. Continueremo a realizzare lo stesso grande evento in cui celebriamo, condividiamo e ci ispiriamo a vicenda, in modi nuovi e creativi. Oltre ad ascoltare i nostri manager, dipendenti, clienti e partner raccontare esperienze legate a Workday, troveremo anche il tempo per riflettere e apprendere gli uni dagli altri su come ci stiamo muovendo in questo mondo del lavoro in continua evoluzione. Scopri di più qui.

Stiamo inoltre continuando a cercare il momento e il modo migliore per riportare i nostri dipendenti in ufficio, guidati dai nostri valori fondamentali, dalle raccomandazioni del governo e delle autorità sanitarie e dalla nostra analisi della sicurezza. Le nostre direttive sullo smart working rimangono in vigore per il prossimo futuro e saranno riviste regolarmente con l'evolversi della situazione.

In questo post del blog continueremo a pubblicare qualsiasi aggiornamento significativo sulle precauzioni che adotteremo. 

23 marzo

Per contribuire a contrastare l'impatto del coronavirus (COVID-19), abbiamo effettuato donazioni a sostegno delle organizzazioni impegnate in prima linea nella crisi e alle comunità più bisognose. Inoltre abbiamo dotato i nostri dipendenti degli strumenti e delle risorse necessari per sostenere le nostre comunità. I nostri sforzi includono:

  • Nell'ambito del programma Employee Match Program, i nostri dipendenti possono effettuare donazioni a diverse organizzazioni, fra cui CDC Foundation, COVID-19 Solidarity Response Fund for WHO, Direct Relief e Medici senza frontiere sapendo che per ogni contributo Workday donerà un importo corrispondente. I dipendenti della Bay Area possono anche scegliere di contribuire al Regional Response Fund della Silicon Valley Community Foundation con la stessa modalità.

  • Abbiamo anche fornito ai nostri dipendenti l'accesso tramite Workday a una piattaforma che consente di organizzare campagne di raccolta fondi per le organizzazioni locali che sostengono residenti e piccole imprese.  

  • Abbiamo aderito a un'iniziativa di collaborazione con 25 altre aziende per raccogliere collettivamente 22 milioni di dollari per affrontare l'emergenza COVID-19. Nel quadro di questo impegno, Workday ha donato un totale complessivo di 1,5 milioni di dollari alla Silicon Valley Community Foundation, ai Centers for Disease Control and Prevention e alla United Nations Foundation

  • Supportiamo The Community Foundation for Ireland. Una sovvenzione al fondo di soccorso COVID-19 contribuirà a offrire servizi essenziali alle persone più vulnerabili, come anziani e senzatetto. 

  • Partecipiamo all'iniziativa #StopTheSpread e sosteniamo la produzione e la distribuzione su larga scala di ventilatori polmonari di alta qualità e altro materiale. 

Anche se questi sforzi sono un buon inizio, sappiamo che c'è ancora molto lavoro da fare. Siamo tutti coinvolti e incoraggiamo chiunque a unirsi a noi nel sostenere le nostre comunità in questo momento di crisi.

16 marzo

In Workday, abbiamo una serie di valori fondamentali che ci guidano e i nostri dipendenti, senza eccezioni, sono la nostra priorità. Vogliamo sostenerli e proteggerli durante questo periodo difficile, in modo che possano prendersi cura di se stessi, dei loro cari, dei nostri clienti e delle loro comunità.

In questo contesto, abbiamo deciso di estendere le nostre direttive sullo smart working fino al 17 aprile per tutti i nostri uffici in tutto il mondo. Inoltre abbiamo annunciato diverse iniziative e benefit per i dipendenti, tra cui: 

  • Un bonus una tantum, equivalente a due settimane di paga, per la maggior parte dei dipendenti, per contribuire a far fronte a costi e necessità impreviste. Ora che le scuole e i servizi di assistenza diventano virtuali o vengono temporaneamente sospesi, sappiamo che i nostri dipendenti hanno bisogno di ulteriore supporto finanziario e flessibilità. Speriamo che questo bonus aggiuntivo contribuisca ad alleviare alcune di queste pressioni. Ulteriori informazioni sono disponibili nella nostra informativa finanziaria

  • Stiamo istituendo un fondo di soccorso per aiutare i dipendenti che potrebbero aver bisogno di ulteriore sostegno e che si trovano in gravi difficoltà. 

  • Stiamo ampliando i benefit di Care.com da 10 a 15 giorni per aiutare a reperire e pagare i fornitori di servizi di assistenza all'infanzia. 

  • Abbiamo organizzato l'accesso per un anno a Headspace, un'app con impronta scientifica che offre percorsi di meditazione per gestire numerosi aspetti, come stress, ansia, mancanza di concentrazione e difficoltà a dormire. 

  • Abbiamo ampliato la nostra politica di congedo per malattia retribuito per tutti i dipendenti che contraggono il COVID-19. 

Riteniamo che, prendendoci cura dei nostri dipendenti, contribuiamo a nostra volta a prenderci cura dei nostri clienti, che contano su di noi in questo periodo difficile. Questo è un periodo senza precedenti e riteniamo che sia importante fare il possibile per proteggere e sostenere la nostra forza lavoro e la community.

11 marzo

L'emergenza coronavirus (COVID-19) continua a evolversi, pertanto abbiamo deciso di estendere le nostre direttive sullo smart working e chiedere a tutti i dipendenti e collaboratori delle nostre sedi globali di lavorare da casa fino alla fine di marzo. Lo stiamo facendo come cautela estrema per tutelare la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti e della community in generale. 

Con il perdurare di questa situazione, agiremo più che mai secondo i nostri valori fondamentali e la solida cultura che abbiamo costruito. Collaboreremo in modo più stretto tra di noi e con la nostra community, offrendo anche sostegno ai nostri clienti in questo periodo difficile. L'unione fa la forza. 

Continueremo a monitorare da vicino la situazione e pubblicheremo qualsiasi aggiornamento sulle precauzioni che adotteremo.

9 marzo

L'emergenza coronavirus (COVID-19) continua a evolversi rapidamente e la nostra priorità rimane la sicurezza della nostra community. Vogliamo fare la nostra parte per ridurre il rischio di diffusione del virus. A tal fine, abbiamo deciso di estendere le nostre misure precauzionali, chiedendo ai dipendenti e ai collaboratori della Bay Area e di Portland di lavorare da casa fino a marzo, dato il numero crescente di casi in queste zone. Inoltre stiamo chiudendo temporaneamente le nostre sedi di Monaco di Baviera e New York e continueremo a tenere temporaneamente chiusi gli uffici di Milano, Seattle e Seoul. I dipendenti di questi uffici lavoreranno da casa. 

I nostri dipendenti di tutto il mondo sono invitati a lavorare da casa se si sentono a disagio a recarsi in ufficio. 

I nostri collaboratori a ore continueranno a essere pagati per le loro ore di lavoro standard, nonostante eventuali riduzioni dell'orario. 

Riteniamo che questi provvedimenti siano importanti per proteggere la nostra community e le persone che ci circondano. Continueremo a gestire le funzioni aziendali critiche per garantire il supporto ai nostri clienti e alle loro organizzazioni anche in questo periodo difficile.

6 marzo

Poiché il coronavirus (COVID-19) continua a diffondersi a livello globale, stiamo monitorando attentamente la situazione e valutando quali precauzioni di viaggio e di sicurezza adottare per tenere il più possibile sicura la Workday community, compresi i nostri dipendenti e le loro famiglie, i clienti esistenti e potenziali, i partner e i visitatori. 

Oltre ad aver reso il kickoff meeting del reparto Sales un'esperienza virtuale, in modo che tutti i nostri colleghi possano partecipare, abbiamo deciso di introdurre nuove misure fino alla fine di marzo.

Tali misure includono la sospensione dei viaggi di lavoro internazionali e nazionali, a meno che questi ultimi non siano considerati essenziali. Inoltre, per offrire sostegno alla forza lavoro in questo periodo difficile, invitiamo i dipendenti a lavorare da casa se non si sentono a proprio agio in ufficio, assicurando al tempo stesso che le funzioni essenziali per l'azienda continueranno a operare senza problemi. Valuteremo l'opportunità del lavoro da casa a livello aziendale e regionale in base alle esigenze, man mano che la situazione si evolverà. 

Continueremo inoltre a ospitare eventi e riunioni su piccola scala nei nostri uffici e fuori sede, in linea con le nostre politiche. Chiederemo inoltre ai nostri visitatori e alla community di applicare le stesse direttive di viaggio e di sicurezza che abbiamo fornito ai nostri dipendenti, compreso il ricorso a un'esperienza virtuale, ove possibile. 

Stiamo monitorando attentamente la situazione e aggiorneremo le nostre direttive sulla base delle indicazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dei Centers for Disease Control and Prevention e dei governi locali. 

Siamo vicini con tutto il cuore a coloro che sono stati colpiti dal virus e continueremo a fare la nostra parte per ridurre al minimo la sua diffusione. Apprezziamo la tua comprensione e la tua collaborazione nel contribuire a tutelare la sicurezza della Workday community e di tutto il mondo. 

Continua a seguire questo spazio per aggiornamenti sulle precauzioni che stiamo adottando. 

Leggi di più