4 punti chiave del Global Impact Report 2021 di Workday

Carrie Varoquiers, la nostra Chief Philanthropy Officer, annuncia la disponibilità del Global Impact Report di Workday 2021 e desidera condividerne i punti chiave: in merito al nostro sviluppo e ai nostri obiettivi, dalla sostenibilità ambientale alla giustizia sociale fino alle iniziative di sviluppo della forza lavoro.

Image placeholder

In Workday abbiamo ben chiari i valori fondamentali che devono guidare ogni nostra decisione e ogni nostra azione, tra i quali mettere le persone al centro del software aziendale e creare un giornata di lavoro migliore per tutti. 

Se rifletto sugli eventi di questo ultimo anno, dalla pandemia alla violenza verso le persone di colore e alle relative ingiustizie sociali, fino alla crisi climatica sempre più grave, mi rendo conto che è più importante che mai agire per creare opportunità per tutti. 

Sono onorata di annunciare l'uscita del Global Impact Report 2021 di Workday, un promemoria di quanto siamo riusciti a realizzare collettivamente con i nostri dipendenti, clienti, partner e comunità per creare un futuro migliore per le persone, le aziende e la società. Anche se abbiamo ancora molto lavoro da fare, vorrei condividere alcuni dei punti chiave di questi ultimi anni. Maggiori dettagli sono disponibili nel report. 

Abbiamo risposto rapidamente al COVID-19. L'abbiamo fatto per i nostri dipendenti, clienti, partner e comunità. Quando la pandemia si è diffusa nel mondo, abbiamo messo in primo piano la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti. Abbiamo studiato come supportare i nostri dipendenti e i loro cari a 360°, esaminando gli aspetti mentali, emotivi, fisici e finanziari. Abbiamo fatto tutto il possibile per prenderci cura dei nostri dipendenti e dei loro affetti, con iniziative quali il passaggio rapido allo smart working, il pagamento di un bonus di due settimane di stipendio per la maggior parte dei dipendenti, l'istituzione di un fondo di soccorso per i collaboratori, nonché ulteriori servizi di aiuto e di supporto alla salute mentale.

Molti dei nostri clienti sono stati in prima linea nella pandemia e questo ha messo in luce l'importanza della collaborazione per la continuità aziendale. Abbiamo ascoltato i nostri clienti e aiutato a realizzare oltre 130 nuove soluzioni per affrontare i cambiamenti imprevisti che stavano vivendo per via della pandemia. 

Riflettendo su questi ultimi due anni, abbiamo capito di essere davvero un'azienda globale, più connessa di quanto avessimo mai immaginato.

Last but not least, abbiamo preso coscienza della situazione di difficoltà in cui vivevano i membri della nostra comunità. Tramite la Workday Foundation abbiamo devoluto donazioni in denaro a organizzazioni che sostenevano chi combatteva in prima linea il COVID-19. Abbiamo anche attivato sovvenzioni tramite Workday Foundation per i nostri partner no-profit, che improvvisamente si sono trovati ad assistere nella ricerca di un lavoro moltissime persone il cui impiego era stato colpito dalla pandemia. Mentre ripenso alle azioni intraprese, sono orgogliosa di poter dire che il nostro obiettivo, come azienda globale, continua a essere quello di una ripresa equa dalla pandemia. Spero che sarà possibile ridurre il divario delle opportunità insieme a organizzazioni che condividono la nostra visione. 

Abbiamo sempre perseguito con costanza i nostri sforzi negli ambiti dell'appartenenza e della diversità e abbiamo accelerato i nostri impegni verso l'equità, perché sapevamo che occorreva fare di più. Portare avanti una forza lavoro diversificata è sempre stato importante per noi. Nell'ultimo anno, abbiamo visto un aumento del numero di atti di violenza insensata contro le comunità di colore, in particolare contro le nostre comunità di afroamericani, asiatici e abitanti delle isole del Pacifico. Il movimento per la giustizia sociale ha messo in luce che abbiamo la responsabilità di essere all'altezza delle nostre azioni per creare equità per tutti sul luogo di lavoro e all'interno delle nostre comunità. 

Fedeli a una strategia chiamata VIBE™, ovvero Value Inclusion, Belonging, and Equity (Valore, Inclusione, Appartenenza ed Equità), abbiamo identificato una serie di impegni aziendali fondamentali, che ci aiutano ad assumere e sviluppare talenti diversificati, a promuovere una cultura di appartenenza, a realizzare prodotti e tecnologie inclusive e a rafforzare le nostre comunità. Nel 2020, abbiamo fondato il nostro primo VIBE Accelerator Team, un gruppo transfunzionale di oltre 20 dipendenti, dedicati ad aiutarci a ottenere maggiore appartenenza e diversità per il nostro luogo di lavoro, i nostri clienti e le nostre comunità. E infine abbiamo donato 12 milioni di dollari a organizzazioni che si occupano di combattere l'ingiustizia sociale e il razzismo. 

Con una crisi climatica in rapida accelerazione, ci siamo resi conto di aver bisogno di intraprendere grandi azioni per un futuro più sostenibile. Se non agiamo con urgenza ora, il cambiamento climatico avrà sicuramente conseguenze durature non solo per la nostra Terra, ma anche per le persone, l'economia e la società in generale. Per portare avanti il nostro impegno per la sostenibilità, in questi ultimi due anni fiscali abbiamo sostenuto una serie di iniziative. 

Nel 2020, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di emissioni zero di carbonio in anticipo, operando con elettricità al 100% rinnovabile. All'inizio del 2021, ci siamo impegnati per stabilire degli obiettivi di riduzione delle emissioni su base scientifica, in tutta la catena del valore, al fine di mantenere il riscaldamento globale entro 1,5°C. Abbiamo ridotto le nostre emissioni tradizionali per ottenere un'impronta di carbonio pari a zero e abbiamo investito 1 milione di dollari in progetti di eliminazione del carbonio. Come accade con molte delle più grandi sfide del mondo, occorre un intero villaggio per fare la differenza, ecco perché è così importante collaborare, in particolare quando intendiamo affrontare la crisi climatica. Pensando a questo, continuiamo a collaborare con varie organizzazioni per massimizzare l'impatto positivo che tutti insieme possiamo avere sul pianeta. 

L'ampliamento del divario di opportunità e l'incremento delle barriere all'assunzione per individui dotati di talento ci hanno insegnato una volta per tutte il valore della collaborazione. Gli eventi dello scorso anno hanno ampliato il divario delle opportunità evidenziando vaste iniquità nell'ecosistema della forza lavoro. Tramite Opportunity Onramps®, il nostro movimento dedicato alla creazione di opportunità economiche per tutti, abbiamo esteso il nostro impegno a coloro che hanno difficoltà a costruirsi carriere redditizie. 

In Workday, grazie ai candidati di Opportunity Onramps, ci siamo impegnati a trovare dipendenti per il 20% dei nostri ruoli di medio livello entro il 2023 e come azienda ci siamo impegnati a donare 250.000 ore di volontariato per aiutare a colmare il divario delle opportunità. Con lo sguardo proiettato al futuro, continuiamo a sostenere grandi iniziative per l'impiego come la Bay Area Opportunity Onramps Collaborative con organizzazioni partner come JFF, JVS, Opportunity@Work e SkillUp, che condividono la nostra missione di colmare il divario delle opportunità. 

Riflettendo su questi ultimi due anni, in particolare su tutto quanto abbiamo realizzato nel 2020, abbiamo appreso che siamo davvero una società globale più interconnessa di quanto mai avremmo potuto immaginare. Abbiamo fatto grandi passi in avanti e le opportunità future ci danno forza per continuare a progredire in questi settori e molto altro. C'è molto da fare per creare un futuro più brillante per tutti, ma sappiamo che i nostri obiettivi si raggiungono solo tramite la collaborazione.

Vuoi saperne di più? Consulta il Global Impact Report 2021 di Workday.

Leggi di più