In che modo l'HR può offrire un'employee experience straordinaria

Per essere preparate a soddisfare le esigenze della propria forza lavoro, le aziende hanno bisogno di insight più approfonditi sulle aspettative e lo stato d'animo dei dipendenti, cioè sull'employee experience che offrono.

Image placeholder

Se da un lato non sorprende che la pandemia abbia accelerato – di mesi se non di anni – la digital transformation di molte aziende, dall'altro è sicuro che abbia anche modificato le priorità dei dipendenti. Secondo una ricerca citata da SHRM le aziende devono aspettarsi un'ondata di turnover: un sondaggio indica che il 25% dei dipendenti prevede di abbandonare il proprio posto di lavoro una volta che la pandemia di COVID-19 sarà terminata e le attività di selezione del personale riprenderanno a pieno ritmo. Una ricerca dell'Achievers Workforce Institute rivela informazioni che fanno riflettere circa lo stato d'animo generale dei dipendenti:

  • Il 46% degli interpellati si sente meno in sintonia con la propria azienda. 
  • Il 42% afferma che la cultura aziendale si è indebolita dall'inizio della pandemia. 
  • Solo il 21% degli interpellati manifesta un alto grado di coinvolgimento e l'intenzione di restare a lungo nell'azienda per cui lavora.

Per essere preparate a soddisfare le esigenze della propria forza lavoro, le aziende hanno bisogno di insight più approfonditi sullo stato d'animo dei dipendenti, cioè sull'employee experience che offrono, e di offrire un maggior supporto virtuale ai manager i cui dipendenti sono esposti a maggiori distrazioni e difficoltà.

Perché investire nell'employee experience

Un'employee experience di qualità gioca un ruolo decisivo nel coinvolgere e trattenere i dipendenti, ne promuove la resilienza e ne migliora l'efficienza e la produttività. Quando decidono di rispondere a queste sfide nel nuovo mondo del lavoro, le aziende devono esaminare con cura ogni aspetto dell'employee experience – perché la complessità dell'argomento e il significato stesso del termine si trasformano continuamente – ed esaminare le tecnologie che prevedono di implementare per i loro team. 

Secondo i dati di una ricerca condotta da Great Place to Work, quando le aziende riducono lo stress dei dipendenti, questi sono 20 volte più propensi a rimanere. Per creare la miglior employee experience possibile, le aziende devono sempre ascoltare le nuove esigenze dei dipendenti, farsene carico e valutare continuamente l'effetto delle misure adottate, così da potersi occupare immediatamente degli aspetti che richiedono un intervento tempestivo. Le aziende che non sono in grado di farlo resteranno indietro. 

Per aiutare tutti i dipendenti a esprimere il proprio potenziale, le aziende devono impegnarsi a offrire un'employee experience a tutto tondo in grado di soddisfare l'intera gamma delle esigenze dei lavoratori.

  • Coinvolgere. Creare fin dall'inizio un'esperienza coinvolgente per ogni dipendente.
  • Sostenere. Supportare il benessere dei dipendenti. 
  • Integrare. Promuovere la diversity e l'appartenenza. 
  • Stimolare. Portare alla luce aspirazioni relative a ricompense e riconoscimento. 
  • Accompagnare. Guidare i dipendenti in percorsi di carriera unici.

Il segreto è agire sulla scorta del feedback offerto dai dipendenti utilizzando tecnologie innovative che si adattano alle esigenze e alle preferenze dei singoli individui.

Creare un'esperienza che supporta le persone

Il segreto è agire sulla scorta del feedback offerto dai dipendenti utilizzando tecnologie innovative che si adattano alle esigenze e alle preferenze dei singoli individui. Questo approccio permette di trasformare i cinque ambiti di interesse dei dipendenti in momenti significativi che lasciano il segno.

In Workday elaboriamo percorsi personalizzati e significativi per i nostri dipendenti partendo dai dati dettagliati e contestualizzati che raccogliamo su di loro. Utilizziamo processi ad hoc che combinano contenuti, azioni e approvazioni provenienti da più piattaforme per offrire un'employee experience di grande efficacia. 

Ad esempio, siamo in grado di determinare quando un dipendente non si sente motivato o quando il suo benessere complessivo è basso e utilizziamo queste informazioni per creare percorsi su misura con Workday Journeys

Ecco alcuni esempi di come Workday Journeys può soddisfare le esigenze dei tuoi dipendenti:

  • Sostenere. I percorsi possono favorire la salute e la sicurezza: è il caso di un percorso COVID-19 o di un percorso sull'immunizzazione. Ad esempio, il nostro cliente Sun Life ha creato un prototipo di percorso per il ritorno in ufficio che consente ai dipendenti di sentirsi supportati e sicuri. I percorsi possono anche vertere su altri aspetti del benessere dei dipendenti: benessere fisico, mentale e finanziario.
  • Integrare. Un percorso di appartenenza e inclusione può promuovere la condivisione di informazioni tra funzioni diverse, come Workday Human Capital Management (HCM) o fonti esterne, aiutando i dipendenti a sentirsi più inclusi.
  • Accompagnare. Un percorso di valutazione della crescita professionale e della performance può offrire al dipendente informazioni personalizzate che favoriscono l'avvio di discussioni più produttive sulla carriera. Il nostro cliente Regions Bank ha utilizzato Workday Journeys per chiedere ai dipendenti che hanno raggiunto un anniversario lavorativo di avviare questo tipo di valutazione del loro percorso professionale. "Abbiamo utilizzato Workday Journeys per avviare colloqui annuali relativi alla carriera tra manager e dipendenti e abbiamo riscontrato un aumento della percentuale di dipendenti che ora ritengono che l'azienda si prenda cura di loro," afferma Regions Bank. "I percorsi ci hanno aiutato a migliorare il coinvolgimento dei dipendenti perché ci consentono di offrire esperienze personalizzate".

Dimostriamo che tutto è possibile

Come sappiamo di quali percorsi hanno bisogno i dipendenti e quali informazioni includere in tali percorsi?

Il nostro Best Workday Survey è un sondaggio settimanale che proponiamo ai dipendenti e che ci offre insight di valore inestimabile. E ora che Peakon fa parte di Workday, possiamo ascoltare con maggiore attenzione e analizzare lo stato d'animo e le opinioni dei dipendenti, arrivando a comprendere ancora meglio le loro esigenze.

Ecco un esempio: scopriamo che una fetta dei nostri dipendenti non vuole tornare a lavorare in ufficio. Abbiamo bisogno di sapere che cosa non fa sentire a proprio agio i dipendenti. Nuove responsabilità assistenziali impongono di trovare un diverso equilibrio tra lavoro e vita privata? Sono preoccupati per il rischio di infezione in un edificio che condividiamo con altre aziende? Peakon ci consente di determinare in tempo reale i motivi di queste preoccupazioni e di elaborare percorsi in Workday Journeys basati su tali informazioni.

Oltre a raccogliere il feedback nel corso di un periodo di tempo limitato, ora possiamo utilizzare l'ascolto intelligente per captare il reale stato d'animo dei dipendenti e ottenere un quadro reale dell'umore e del grado di benessere generali. In base ai dati raccolti possiamo passare all'azione e correggere gli interventi in corso d'opera, poiché siamo in grado di misurare i nostri progressi.

Grazie alle innovazioni abbiamo potuto migliorare l'employee experience dei dipendenti, soddisfare le loro esigenze, ma anche motivarli e attrezzarli per un mondo del lavoro sempre più complesso.

Leggi di più